Ornithology 22. Baez

 

Nu bello cardillo Un bel cardellino
Sto crescenno nu bello cardillo,

quanta cose che l’aggio ‘mparà

Adda ire da chisto e da chillo,

ll’immasciate po’ m’adda purtà.

Siente cca’, bello mio, lloco ‘nnanze

c’è na casa, ‘na nenna ‘nc’è stà:

tu la vide ca nun è distante,

chella nenna aje da ire a truvà.

 

Si la truove ca stace durmenno

pe’ ‘na fata gue’ nun ‘a piglià.

Nu rummore nun fa cu li penne,

guè cardì, tu l’avissa scetà?

Si affacciata po’ stà a lu barcone

pe’ na rosa l’avisssa piglià?

Gue’ cardì, vi’ ca lla’ nun te stuone,

va’, vattenne, cardì, n’addurà.

 

Si la truove che face l’ammore

‘stu curtiello annascunnete cca’

‘nficcancillo deritto allu core

e lu sango tu m’aje da purtà.

Ma si pensa vattè chianu chianu,

zitto zitto te nce l’aje accustà.

Si afferrà po’ te vo’ co’ la mano

priesto ‘mpietto tu l’aje da zumpa’.

 

Si te vasa o t’afferra cianciosa

tanno tu l’aje a dire accussiì:

“Lu patrone pe’ te nun reposa,

puveriello pecché adda murì.”

T’accarezza te vasa ah… Viato

chiù de me tu si certo cardì.

Si cu’ tico cagnarme m’è dato

doppo voglio davvero murì.

Sto allevando un bel cardellino,

quante cose gli devo insegnare.

Deve andare da questo e da quello,

i messaggi mi deve portare.

Senti un po’, bello mio, qui davanti

c’è una casa dove sta una ragazza:

puoi vederla, non è distante,

quella ragazza devi andarla a trovare.

 

Se la trovi che sta dormendo

bada a non prenderla per una fata.

Non far rumore con le ali,

attento, cardellino, non svegliarla!

Se sta affacciata al balcone,

bada a non scambiarla per una rosa.

Ehi, cardellino, bada che non ti streghi,

sta’ lontano, fuggi il suo profumo.

 

Se la trovi che fa all’amore,

questo coltello – nascondilo qui! –

tu piantaglielo dritto in cuore

e il suo sangue mi devi portare.

Se è presa nei suoi pensieri, vai pian piano,

avvicinati zitto zitto.

Ma se ti vuol prendere in mano
presto tu saltale in petto!

 

Se ti bacia o ti blandisce

allora devi dirle così:

“Il padrone a causa tua più non dorme.

Infelice, perché deve morire?”.

Ti accarezza, ti bacia, ah… Beato

più di me tu sei, cardellino.

Se con te potessi scambiarmi,

dopo vorrei d morire!

 *

Joan Baez in Concert. Part 2, Vanguard, 1963


Nu bello cardillo: canzone napoletana anonima di fine Seicento-inizio Settecento; trascrizione ottocentesca di Ernesto [Del] Preite (testo) e Pietro Labriola (musica).

*

Pubblicato in La poesia e lo spirito

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...