Ornithology 46. Apollinaire

oiseau

Un uccello canta

Un uccello chissà dove canta
Sarà tra questi poveri soldati
La tua anima vegliante
E il mio orecchio quell’uccello incanta

Senti come tenero canta
Chi lo sa su che ramo
E ovunque cantando mi va
Notte e giorno festa e settimana

Ma che dire di quell’uccello
E di queste metamorfosi
Di anima in canto sull’alberello
Di cuore in cielo di cielo in rose

L’uccello dei soldati è l’amore
È una ragazza il mio amore
Perfetta più della rosa e per me
Solo l’uccello blu si sgola

apollinaire 1916Uccello blu come l’azzurro cuore
Del mio amore dal cuore celeste
Il tenero canto ripetilo alla
Mitragliatrice funesta

Che schiocca all’orizzonte e poi
Sono astri a profusione
Così le notti se ne vanno i giorni
Amore azzurro come l’azzurro cuore

(trad. di Vittorio Sereni)

*

 

La-colomba-pugnalata

Guillaume APOLLINAIRE, Calligrammes (1916)
Alcool. Calligrammi
traduzione di Luciana Frezza, Giovanni Raboni, Vittorio Sereni, Sergio Zoppi
Oscar “Classici Moderni” Mondadori, Milano, 1996

Immagine: Apollinaire nel 1916, ferito sul fronte francese

*

Pubblicato in La poesia e lo spirito

Una risposta a "Ornithology 46. Apollinaire"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...